Emilio Del Bono si conferma  ancora una volta sindaco di Brescia.

Campagna elettorale

Una nottata elettorale intensa che ha portato alla vittoria di Emilio Del Bono che ha vinto con il 53,9% contro il 38,1% di Paola Vilardi.

Una campagna elettorale lunga, piena di incontri, dibattiti e grandi ospiti in città a sostegno dei candidati. La campagna elettorale di Emilio Del Bono ha sostenuto fin dall’inizio le idee che in questi anni sono state portate avanti con forza e determinazione. Un progetto, quello di Del Bono, che potrà continuare per i prossimi cinque anni, portando a termine i lavori in cantiere.

Chi é Emilio Del Bono

Dal 1991 al giugno 1993 ricopre la carica di consigliere comunale, contribuendo alla stesura dello statuto comunale di Brescia. Eletto segretario provinciale della Democrazia Cristiana nel 1993, mantiene la carica fino allo scioglimento del partito, mentre nel 1994 diventa primo segretario provinciale del nuovo partito popolare italiano.

Nell’aprile 2008 è candidato dal Partito Democratico a sindaco di Brescia e prende la decisione di non ricandidarsi al parlamento per la XVI legislatura  Alle elezioni comunali Del Bono si presenta con una coalizione di centro-sinistra composta, oltre dal Partito Democratico, anche da La sinistra l’arcobaleno, Italia dei valori Verdi e due liste civiche. Nel 2008 diventa capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale e vicepresidente della Commissione statuto e regolamenti.

Leggi anche:  Lega di Palazzolo nel caos Arriverà un commissario

Nel settembre 2012 la direzione provinciale del Partito Democratico gli rinnova la fiducia, considerandolo candidato di partito alle primarie di coalizione per la nomina del candidato sindaco per il centro sinistra alle elezioni comunali del 2013.

Il 10 giugno 2013, sostenuto da una coalizione composta da Partito Democratico, Sinistra ecologia e libertà e liste civiche, è eletto al ballottaggio Sindaco di Brescia con il 56,53% delle preferenze.

Oggi

Oggi con il 53,9% dei voti si riconferma sindaco di Brescia. Si allontana di molto invece Guido Ghidini del M5S che ottiene solo il 5,5%. Alle 23 l’affluenza è arrivata a toccare il 57,45. Il voto incorona quindi un nuovo mandato per il sindaco che già da oggi sarà al lavoro.