Feralpi Siderurgica ha vinto il premio Emas Italia 2018 per la migliore comunicazione ambientale multimediale promosso dal Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit e l’Ispra. Il riconoscimento, paragonabile a un “Oscar” per la comunicazione ambientale, premia le imprese – nel caso di Feralpi quelle di grandi dimensioni – registrate Emas che meglio hanno interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo.

Cos’è Emas

L’Emas (Eco-Management and Audit Scheme) è il sistema comunitario a cui possono aderire volontariamente le imprese e le organizzazioni, sia pubbliche che private, che desiderano impegnarsi nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale e la Dichiarazione ambientale rappresenta lo strumento comunicativo attraverso il quale le organizzazioni aderenti riportano le informazioni su prestazioni e impatti ambientali generati dalla loro attività. Feralpi Siderurgica, nel dicembre 2014, è stata la prima in Italia ad ottenere l’Emas per uno stabilimento a matrice complessa. Tale dichiarazione rappresenta la più prestigiosa tra tutte le attestazioni in campo ambientale, che dimostra l’impegno volontario profuso per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire a tutti gli stakeholder complete e trasparenti informazioni sulla corretta gestione ambientale.

Leggi anche:  Le lavoratrici delle mense scolastiche protestano sotto la sede dell’Inps Lombardia

Soddisfazione del gruppo

La premiazione è avvenuta venerdì 25 maggio a Tavarnelle Val di Pesa, in Toscana. Per il direttore dello stabilimento di Lonato Maurizio Fusato «Il premio Emas ottenuto per la comunicazione ambientale è un successo che parte da lontano. La registrazione Emas, così come tutta l’attività di Responsabilità sociale d’impresa, attesta la volontà di instaurare con il territorio e con tutti i portatori di interesse un rapporto basato sulla fiducia. Per farlo, le imprese devono essere aperte al dialogo e, soprattutto, dare evidenza dell’impatto della propria attività, impegnandosi in misura vincolante alla riduzione delle ricadute ambientali. Il processo non è completo senza l’attività di comunicazione che mette a disposizione di chiunque informazioni oggettive, e immediatamente comprensibili, sulle performance ambientali raggiunte». (nella foto Eric Filippini ed Ercole Tolettini di Feralpi Group)