L’istituto Don Milani presenta un progetto di riqualificazione degli ambienti e della didattica ispirato alle più moderne linee guida europee.

Protagonisti dell’accordo

Bcc del Garda emette un certificato di deposito solidale a sostegno di questa iniziativa originale e rivoluzionaria nel panorama lombardo. La dirigente scolastica Claudia Covri dell’istituto superiore Don Milani di Montichiari e il vicepresidente vicario Bcc del Garda Franco Tamburini hanno presentato la collaborazione per promuovere il progetto D.A.D.A. (Didattica per Ambienti di Apprendimento). A margine dell’incontro la sigla dell’accordo di partnership che da anni unisce queste due realtà del territorio.
«La Bcc collabora da anni con il Don Milani per far sì che gli studenti possano al meglio approcciarsi al mondo dell’apprendimento e del lavoro. – ha dichiarato la dirigente Claudia Covri -. L’impegno di quest’anno dedicato alla progettazione è quello di pensare a una riqualifica degli spazi». L’aula non sarà più della classe, bensì del docente che la adeguerà alla didattica e gli studenti si muoveranno tra le aule a seconda della disciplina.

Occasione didattica

«Gli alunni potranno trovare un setting per l’apprendimento migliore che gli permetterà di fare ricerche, esperimenti ed elaborare le competenze che la materia richiede» ha continuato la dirigente. E’ una grande sfida. I ragazzi non apprendono più allo stesso modo e noi dobbiamo rispondere e adeguarci ai loro bisogni».
L’anno scolastico corrente «è stato di programmazione, progettazione e formazione dei docenti». E’ servito per porre le basi al progetto che partirà a settembre 2018.
D.A.D.A. ha tra gli obiettivi principali l’attivazione delle capacità cognitive dei ragazzi, la sperimentazione di nuove pratiche didattiche e la riorganizzazione funzionale delle strutture e del tempo scolastico.
«Dobbiamo ringraziare l’Istituto per la possibilità che ci dà di sottolineare i nostri valori: la nostra azienda è sempre vicino alla scuola. Ha bisogno di cambiare, di stare al passo dei ragazzi, perché saranno loro la parte attiva del futuro». Queste sono state le parole di Franco Tamburini, che crede fortemente nella fattibilità di questo progetto nonostante si possa considerare una vera e propria sfida.

Leggi anche:  A Frontignano festa della famiglia

Lunga tradizione

Il direttore della Bcc del Garda Massimiliano Bolis ha presentato il progetto e ha spiegato come la Bcc potrà intervenire sostenendo la scuola. Specificatamente per aiutare l’istituto superiore Don Milani è nato il certificato di Deposito Solidale BCCinCLASSE come strumento di risparmio a sostegno dell’istituto, perché la Banca devolverà alla scuola lo 0,25% del valore nominale sottoscritto dai clienti.
«Abbiamo un obiettivo che ci piacerebbe raggiungere e anche superare» ha dichiarato Bolis e infine ha elencato una serie di attività rivolte agli studenti che da sempre segnano la collaborazione tra la Banca e il Don Milani. Un esempio sono il progetto BCCinClasse e Talent Days.
«L’innovazione è associata al rischio, ma il  cambiamento non deve spaventare» ha concluso la dirigente Covri.