Al via stamattina la Fiera agricola e commerciale giunta alle «nozze di diamante» con la presenza delle autorità e di due ex presidenti.

Futuro e tradizione

Hanno parlato, oltre al sindaco e presidente della fiera Roberto Tardani, i rappresentanti di Provincia e Regione, e cioè il vicepresidente del Broletto Andrea Ratti e l’assessore regionale lombardo Mauro Parolini. Per quest’ultimo, la Fiera resta un evento «nel solco della tradizione, ma moderno allo stesso tempo. Sessant’anni sono tanti, questa è l’occasione per ritrovare una comunità, più grande della sola Lonato. La globalizzazione non significa dimenticare se stessi, si è competitivi solo valorizzando la propria storia». Le parole del sindaco: «Ho visto, seppur da molto piccolo per le prime edizioni, tutte le sessanta Fiere e devo dire che spesso il meteo non ci ha assistito, mentre da qualche anno un bellissimo tempo accompagna i giorni di Sant’Antonio. Negli anni, da semplice esposizione del comparto agricolo questa “tre giorni” è diventata una grande vetrina anche per artigianato e commercio. Tengo molto a ringraziare il comitato organizzatore».

Tre giorni (e più) di eventi

Ma in realtà gli eventi fieristici sono iniziati addirittura mercoledì, con una prima conferenza di Federcaccia sulle lepri e con la benedizione degli animali, tradizione del 17 gennaio a Lonato. Gli stand del nuovo Palazzetto dello sport sono attivi da ieri alle 15, così come gran parte delle mostre; i due giorni più «ricchi» saranno come sempre oggi e domani.

Leggi anche:  Internet e ragazzi: due incontri per sensibilizzare a Roncadelle

Ingresso nel Guinness?

Comitato e amministrazione avevano annunciato l’idea di fare le cose in grande. Ma un gruppo di commercianti del settore carni ha puntato direttamente al Guinness dei primati: dopo l’Os de stòmech più grande degli ultimi anni, questa mattina in piazza Martiri della Libertà è stato prodotto l’insaccato che nelle intenzioni dell’equipe di quattro aziende sarà il più grande del mondo. La pesatura ufficiale del prodotto da primato, con una «base» da os de stòmech ma trattato e insaccato come un salame, avverrà oggi sempre in piazza alle 14.30.