Insieme per parlare e sconfiggere il bullismo, questo l’obbiettivo degli incontri che si sono tenuti martedì 5 giugno a Salò (organizzati dall’Associazione Anrè e con il patrocinio del Comune di Salò) con l’ex inviato di Striscia la Notizia Fabio De Nunzio: in mattinata è intervenuto all’auditorium Paolo Ceccato dell’Istituto Cesare Battisti di Salò davanti a circa quattrocento studenti, la sera in Sala dei provveditori dove si è rivolto ad un pubblico formato perlopiù da genitori ed insegnanti.

L’incontro con i ragazzi

Con un taglio ironico ammirevole sorretto dalla seria consapevolezza della delicatezza del problema sociale in questione, ha saputo parlare dei problemi legati all’obesità, delle difficoltà che le persone obese sono costrette ad affrontare e che sono legate alle barriere architettoniche riportando esperienze personali, di cui parla nel libro “Sotto il segno della bilancia 3”:

Non sottovalutate i segnali che i vostri figli manifestano quando vi parlano. Mediante l’insegnamento e l’educazione dobbiamo essere in grado di mostrare quale è davvero il mondo fuori, la realtà che spesso non corrisponde a quella che hanno nella loro testa.

Gli approfondimenti

La serata è stata introdotta dalla proiezione del cortometraggio sul bullismo “Solo strana la vita” del regista Alberto Moroni di Garda Produzioni, che ha preso parte alla serata.

Leggi anche:  I bambini di Castegnato imparano l'educazione stradale

Presenti il vicesindaco e assessore a cultura e pubblica istruzione del comune di Salò Pierantonio Pelizzari, il professore dell’istituto Cesare Battisti di Salò anche in rappresentanza dell’associazione Anrè (Associazione Nazionale Ragazzi Emarginati) Roberto Fulgione e la presidente di Anrè Katia Romano.
Nel corso della serata, tramite un messaggio vocale, è intervenuto sul tema anche Valerio Merola.