Una lite domestica è presto degenerata in paura e violenza.  Vittima un aviere militare 20enne costretta a subire i maltrattamenti dal fidanzato tra le mura di via Abba.

L’accaduto

Lei una 20enne della provincia di Taranto, che lavora all’aeroporto militare di  Ghedi è stata soccorsa dai vicini dove ha trovato ospitalità per la notte. Purtroppo per lei il giorno successivo la vicenda si è nuovamente riproposta.

La parola al comandante

Il comandante della stazione carabinieri dell’aeroporto Stefano Manfredi: “Il ragazzo è entrato in aeroporto, dove ha lavorato fino a settembre, perché doveva recuperare del materiale. Qui è scoppiata una seconda lite”.