In manette la banda di 7 italiani: aveva rubato anche gli strumenti di Zucchero. L’associazione a delinquere è stata sgominata e i componenti rinchiusi  in carcere su ordinanza del Gip del Tribunale di Monza a seguito della chiusura dell’operazione Diamante. Sugar ringrazia i carabinieri sulla sua pagina Facebook.

In manette la banda: aveva rubato anche gli strumenti di Zucchero

Faceva sparire interi carichi di merce. Sgominata dai carabinieri un’esperta banda di truffatori. Sono stati arrestati in 7 italiani. Avevano rubato anche gli strumenti di Zucchero Sugar Fornaciari. Nella parte finale del video si vedono chitarra e amplificatori rubati al cantautore durante la perquisizione dei carabinieri di Travagliato.

Per colpa di chi? Gli strumenti erano a Travagliato

Esattamente un anno fa gli strumenti del cantautore italiano erano stati ritrovati in un capannone a Travagliato finito sotto sequestro. Il Chiariweek aveva dato ampio spazio alla notizia, e tutti si chievano come avessero fatto a finire a Travagliato bassi e chitarre di Zucchero Sugar. Ma soprattutto di chi fosse stata la colpa, o meglio chi avesse messo a segno il colpo.

Anche i carabinieri della zona avevano avviato le indagini, coordinati dalla Procura di Monza.

Qualche mese più tardi gli strumenti, in un capannone insieme ad altri mobili per la casa, erano stati restituiti al famoso proprietario. Ma nulla si era saputo della banda di ladri.

Sgominata associazione a delinquere

Nelle prime ore del giorno, i carabinieri del Comando Provinciale di Milano, nelle province di Monza e Brianza, Bergamo, Brescia, Pavia e Trapani hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Monza nei confronti di 7 italiani, ritenuti responsabili di associazione a delinquere con carattere transnazionale, volta alla commissione dei reati di truffa, falso e sostituzione di persona.

Leggi anche:  Pugni alla moglie ed eroina nell'auto, italiano arrestato a Trenzano

La misura restrittiva giunge a coronamento delle indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Monza e condotte dai militari del Nucleo Investigativo di Milano su alcuni episodi di truffa commessi a danno di ditte di trasporto su gomma operanti sul territorio nazionale e all’estero.

In particolare, nel novembre 2016, era stato sottratto fraudolentemente a una ditta di trasporti italiana un carico costituito dagli strumenti musicali della band del noto artista Zucchero Fornaciari, successivamente recuperati. Gli accertamenti condotti hanno permesso di ricostruire l’operato dell’associazione criminale che, fra il settembre 2016 e il febbraio 2017, sostituendosi con l’inganno a referenziate ditte di trasporto, aveva ottenuto almeno 16 commesse per la spedizione di merce, per un valore complessivo di circa 600mila euro.

Sugar ha ringraziato i militari

Il grazie ai carabinieri è arrivato da Fornaciari in persona, dalla band, da Laura Vergani, Stewart Young e dal legale Vittorio Costa tramite la pagina Facebook ufficiale del cantautore.