Sono sorte novità sul folle inseguimento di 60 chilometri che ha interessato due regioni e tre province e che si è concluso a Flero.

Il folle inseguimento e le probabili cause

All’altezza di Castelvetro, in provincia di Piacenza, la Polizia di Cremona ha intimato l’alt ad un’Alfa Romeo 147. Per tutta risposta l’uomo ha accelerato e si è dato alla fuga, sull’autostrada A21. E’ iniziato così un inseguimento che è proseguito per 60 chilometri. Il fuggitivo ha poi imboccato la Corda Molle e successivamente l’uscita di Flero. Qui la manovra congiunta della Polizia di Cremona, i colleghi di Montichiari e i carabinieri di Verolanuova, che si sono uniti all’inseguimento, hanno portato a bloccare la vettura del fuggiasco, che ha anche speronato le pattuglie. L’uomo si è poi dato alla fuga tra i campi di Flero, complice anche il buio della notte.

Le indagini hanno portato a scoprire che la vettura non era rubata, ma intestata a un prestanome. Su di essa gli agenti e i militari dell’Arma hanno rinvenuto alcune dosi di droga. Si ritiene inoltre che il restante, e presumibilmente corposo, carico di droga sia sparito insieme all’autista del mezzo. Potrebbero quindi essere queste le cause del folle inseguimento sull’A21 avvenuto negli scorsi giorni.