In edicola dal 13 aprile il nuovo numero del ChiariWeek.

Le notizie in prima pagina:

Si è gettato tra le fiamme per salvare la vita alla figlia

Mirko Pagani, ex vicecomandate della Locale di Chiari originario di Urago, è ricoverato in Rianimazione per le gravi ustioni riportate. Per motivi ancora da accertare un guasto alla stufa ha innescato una fiammata in cucina. Dopo essere uscito, l’agente è rientrato in casa per trarre in salvo la ragazzina che era svenuta.

Partite vietate durante le Messe a Rovato

Il cartello che vieta il gioco durante le Messe ha trascinato il campetto di via Battisti al centro di una controversia che vede contrapposti interessi apparentemente inconciliabili. Da una parte il diritto dei fedeli a partecipare tranquillamente alle funzioni religiose, e dall’altra il bisogno dei bambini e dei ragazzi del quartiere, che appartengono a culture e religioni diverse, di un posto in cui trovarsi.

Sta bene il 13enne colpito da meningite

Era stato trasportato al Civile a Pasquetta. Mercoledì mattina ha lasciato il nosocomio e potrà tornare a scuola e a giocare a calcio.

Diciotto indagati per la morte di Danesi

Sono 18 le persone indagate per omicidio colposo a seguito della morte del settantasettenne Vittorio Danesi avvenuta in ospedale lo scorso 13 gennaio. Era stato investito in via Marconi, poco distante dal centro di Castrezzato, nella sera del 7 gennaio.

Leggi anche:  ChiariWeek, in edicola il nuovo numero

Neonato morto subito dopo il cesareo

Poco dopo il parto cesareo il neonato è morto in ospedale.

L’Asst Franciacorta ha segnalato il drammatico accaduto alle Forze dell’Ordine e la Procura ha aperto un’inchiesta. Sul corpo del neonato sono state riscontrate delle lesioni, ma solo l’autopsia potrà fare chiarezza.

Lutto a Palazzolo e in Franciacorta per Agostino Barbò

Volto conosciutissimo a Palazzolo e nei paesi limitrofi, seguiva sempre gli eventi culturali e le manifestazioni assieme alla sua inseparabile macchina fotografica. Amava anche fotografare i paesaggi della sua Palazzolo e dei paesi vicini.

Droga e prostituzione, tre persone arrestate

Ci sono dieci indagati, tra i quali un rovatese, nella maxi operazione dei carabinieri «Occhio di Ra». Questo il nome
del locale notturno bergamasco, gestito dal 50enne Claudio Feriti (nato a Rovato, dove ha vissuto fino al 2004, per poi trasferirsi a Chiari), finito al centro di un’inchiesta per sfruttamento e favoreggiamento aggravato della prostituzione, spaccio di sostanze stupefacenti e porto illegale di armi.

Arrestati, oltre al rovatese, una 26enne di Palosco e un 38enne di Brescia.