Un furto finito male per il 59enne di Erbusco, italiano e originario di Sondrio.

Il fatto

Si aggirava tra le auto parcheggiate di fronte alla piscina comunale di Travagliato, scegliendo accuratamente la sua preda successiva.

I Carabinieri, ai quali l’uomo era già noto per reati predatori erano appostati e osservavano, in attesa di mosse sospette. L’uomo era censurato, e aveva l’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria.

Apre l’auto, ruba e scappa

Un attimo, e l’uomo con un cacciavite forza la serratura di una Toyota Yaris, prende una borsetta, raggiunge la propria auto, scappa.

Scatta l’inseguimento da parte dei militari, e lui nemmeno se ne accorge. I Carabinieri l’hanno fermato a un bancomat vicino, al quale l’uomo stava tentando di prelevare contante con la tessera appena rubata.

La refurtiva addosso

Trovato con addosso tutta la refurtiva, all’uomo è stato convalidato l’arresto dal Tribunale di Brescia. Il maltolto è stato restituito alla vittima, una donna 25enne di Chiari.