Tutela del Sebino: accordo da mezzo milione contro le alghe approvato da Regione Lombardia con Provincia di Bergamo e Brescia e Autorità di bacino.

Tutela del Sebino: accordo da mezzo milione contro le alghe

Stanziati da Regione Lombardia in accordo con le Province e l’Autorità di bacino 450mila euro per la pulizia e la manutenzione del lago d’Iseo.

“Un’altra promessa mantenuta della Giunta Maroni”. Cosi’, l’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Claudia Terzi ha commentato l’approvazione dell’accordo di collaborazione tra Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Provincia di Brescia e Autorità di Bacino dei laghi d’Iseo, Endine e Moro per interventi di tutela del lago d’Iseo.

L’investimento in campo ammonta a 450mila euro ed e’ così ripartito: 150.000 euro alla Provincia di Bergamo e 300.000 euro
all’Autorita’ di bacino dei laghi d’Iseo, Endine e Moro.

“Grazie a questo accordo diamo un contributo alla Provincia di Bergamo per predisporre un progetto di fattibilità finalizzato a valutare le azioni necessarie a combattere la presenza delle alghe infestanti, nonchè la rimozione di altro materiale presente sulla superficie dei laghi d’Iseo ed Endine”. Ha continuato così l’assessore.

Attività e interventi previsti

Sono previste diverse attività, un piano di gestione della vegetazione acquatica del lago di Iseo, per garantire la navigabilita’ delle acque e la salvaguardia della biodiversità, e uno per il lago di Endine.

Leggi anche:  Turismo enogastronomico: mezzo milione in arrivo

Infine, e’ prevista l’attivita’ di contenimento delle macrofite acquatiche in caso di eccezionale proliferazione e il piano di manutenzioni ordinarie ai mezzi utilizzati. Gli interventi saranno eseguiti dall’Autorita’ di Bacino, anche con l’utilizzo dei battelli raccoglitori o eradicatori.

“Tra le azioni è prevista la raccolta e il trasporto in impianti autorizzati delle macrofite dalle sponde lacustri, quando l’eccessivo
sviluppo provochi danni alla navigazione o un incremento dell’eutrofizzazione”. Ha concluso la Terzi. “Abbiamo deciso di investire sul nostro patrimonio e lo facciamo concretamente con fondi e azioni programmate per la tutela dei nostri laghi. Oggi abbiamo raggiunto un importante traguardo che, sono convinta, potrà segnare una svolta nella pulizia del Lago, anche in un’ottica di semplificazione delle competenze. Obiettivo centrato per il rilancio del Sebino”.