Simona Tironi è il vice presidente della commissione sanità di Regione Lombardia. Dal consigliere regionale e vice sindaco di Travagliato sono arrivati i ringraziamenti al gruppo di Forza Italia.

Simona Tironi è il vice presidente della commissione sanità

“Oggi voglio ringraziare il gruppo consiliare di Forza Italia in Regione Lombardia per avermi indicata come vice presidente della commissione Sanità e Politiche Sociali”. Così, dopo l’elezione, ha commentato il consigliere regionale e vice sindaco di Travagliato Simona Tironi. “E’ un incarico di grande responsabilità che mi impegno a ricoprire al meglio, lavorando con la dedizione e la passione che mi hanno sempre animato durante il mio percorso politico e amministrativo”.

Progetti e decisioni

“Nei prossimi cinque anni sono tante le misure da realizzare, e questa commissione avrà un ruolo strategico: la salute di tutti i cittadini lombardi e il benessere fisico e psicologico delle persone sono obiettivi dal grande valore morale”. Così ha continuato la Tironi.

“Il nostro settore sanitario è riconosciuto come un’eccellenza da tutte le altre regioni d’Italia: sono migliaia i cittadini provenienti da altri territori che scelgono di farsi ricoverare in Lombardia, riponendo grande fiducia nelle nostre tecnologie avanzate, nei nostri mezzi e nel nostro approccio alla malattia e al paziente”.

Leggi anche:  La festa del dono sceglie il grande cuore di Brescia

Durante la prima seduta della Giunta Fontana è stato deciso il dimezzamento del ticket sanitario regionale, che nel prossimo futuro passerà da un massimo di 30 euro a un massimo di 15 euro, agevolando un milione e mezzo di lombardi.

“Sarà nostro compito anche vigilare su ciò che non funziona, prevenendo i casi di corruzione e malasanità, che alle volte purtroppo, non risparmiano neppure le strutture più importanti – ha concluso – Da oggi inizierò a lavorare assieme al presidente e a tutti gli altri membri, per far sì che la Regione Lombardia possa erogare servizi sempre migliori, garantendo al nostro sistema sanitario quel primato che si è guadagnato sul campo”.