Risparmi sulle spese comunali e maggiori introiti hanno portato gli amministratori ad intervenire con urgenza sulla manutenzione delle strade.

Manutenzione delle strade Entrate in aumento

La quarta variazione al bilancio di previsione 2017 è stata approvata in Consiglio. 135mila euro, a tanto ammonta l’investimento per la manutenzione di strade e marciapiedi, che rappresentano l’investimento più massiccio, l’acquisto di mezzi informatici e di attrezzature per l’ufficio vigilanza. Due automobili andranno una all’ufficio Lavori pubblici e una ai Servizi sociali.

I commenti dell’amministrazione

“Nulla deve essere lasciato inutilizzato – ha commentato l’assessore al Bilancio Alessandra Busseni – l’urgenza, questa volta, è data dalla disponibilità economica e quindi di investire subito le nuove risorse”.  “Dovevamo assumere tre nuovi dipendenti – ha spiegato l’assessore – ma non si è presentato nessuno. Purtroppo siamo sotto organico, ma possiamo dire di aver risparmiato”. “La cave mantengono il trend – ha spiegato il vicesindacoPierluigi Bianchini in risposta alle richieste di chiarimento del consigiere del gruppo di opposizione “Viva Castenedolo Viva” Renato Andreolassi – a giugno è stato effettuato il rilievo che ha evidenziato una maggiore escavazione rispetto al previsto, abbiamo quindi adeguato la cifra prevista dal rilievo”. Si tratta quindi di un preventivo in rialzo per il 2018 pari a 29mila euro. Richieste di chiarimento anche per i 16mila euro destinati, destinati da bilancio, alle associazioni, sono state avanzate da Paolo Terramoccia capogruppo di opposizione per “SìAmo Castenedolo”.

Leggi anche:  Problema accattonaggio Consiglio unito per una soluzione

Valorizzazione e vendita immobili

Ha acceso il dibattito la discussione sul piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, propedeutico insieme all’approvazione dell’aliquota base Imu confermata all’8,6 ‰, alla successiva approvazione del bilancio di previsione. Pur trattandosi delle medesime aree già previste nel piano dello scorso anno, il consigliere Andreolassi ha ribadito la sua contrarietà alla «vendita dell’immobile di via Dei Santi, l’unico stabile pubblico della frazione Bettole». Si tratta dell’immobile dove è stato allestito un ambulatorio medico, raramente usato per assemblee pubbliche e saltuariamente affittato a privati. Rassicurazioni sono arrivate dal sindaco Gianbattista Groli: «Non c’è assolutamente l’interesse a vendere lo stabile, e non ho mai visto una persona interessata all’acquisto. L’approvazione del piano delle alienazioni deve essere fatta e se si toglie questo deve essere inserito un altro stabile nel piano. In ogni caso l’Amministrazione non lascerebbe mai la frazione sprovvista di un’area pubblica».