Festa della Liberazione: tanti studenti di Palazzolo ricordano la Resistenza e i valori della nostra Costituzione.

Festa della Liberazione Tanti studenti ricordano la Resistenza

E’ stata una giornata di grande festa per la comunità palazzolese. Un momento per ricordare il significato della Resistenza e della liberazione dal Nazifascismo. Presenti le autorità civili, militari e religiose. Dopo la messa celebrata dal parroco don Angelo Anni, il corteo da Mura è sceso in piazza fino al Monumento dedicato alla Resistenza. Davanti agli assessori, a diversi consiglieri comunali (di maggioranza e minoranza), al maresciallo dei carabinieri Mirko Vairo e al comandante della Polizia Locale Claudio Modina, il sindaco Gabriele Zanni ha voluto riflettere sulla giornata. Il suo, come sempre, un pensiero mai banale legato alla situazione attuale: “Questa festa ci insegna a preferire il confronto e il dialogo, rifiutando lo scontro e la violenza. Ma soprattutto a non odiare chi è diverso da noi. Viva la Resistenza”.

Scuole e associazioni

Alla festa hanno preso parte numerose associazioni locali, tra cui il Corpo musicale cittadino. Ma non solo, oggi erano presenti tanti studenti delle scuole palazzolesi che hanno letto alcuni pensieri, riflettendo sul significato della Resistenza e dei valori costituzionali.

Leggi anche:  Raccontare il castello di Palazzolo guardando al futuro