Efficientamento energetico edifici comunali a Palazzolo: prevista anche la riqualificazione di scuole, palestre e del palazzo municipale.

Efficientamento energetico edifici comunali a Palazzolo

L’Amministrazione comunale ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione di opere di riqualificazione energetica e di adeguamento impiantistico degli edifici comunali. Nonché del servizio di efficientamento energetico dell’illuminazione interna degli immobili comunali. La proposta progettuale è stata presentata dalla ditta STEA S.r.l. con sede a Brescia, ditta aggiudicataria, a seguito di gara pubblica, della concessione fino al 2032 dei servizi di gestione del calore degli edifici comunali. Ma non solo, delle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti termici, dello svolgimento delle funzioni di terzo responsabile e di efficientamento energetico dell’illuminazione interna degli stabili comunali. Il progetto a firma dell’ingegnere Sauro Barbò e della società Newatt s.r.l., prevede una spesa complessiva di 1.634.030 euro di cui 1.297.924 euro per quote investimenti e 45.000 euro per spese tecniche generali e amministrative 291.105 euro per Iva.

Edifici interessati

In totale sono 22 gli edifici interessati dagli interventi. Si va dal Comune a praticamente tutte le scuole di Palazzolo, tra materne, elementari e medie. Anche le palestre, tra cui l’ex Enal. Ma anche Villa Lanafranchi, gli edifici dei centri diurni a San Pancrazio e villa Kupfer. Ma anche il polo culturale di Mura, il magazzino comunale e il Centro di protezione civile. Si tratti di diversi interventi. Nuovi generatori di calore a condensazione al posto di quelli a basso rendimento. Ma anche valvole termostatiche negli edifici per migliorare il sistema di emissione e ridurre gli sprechi. Nuove pompe di calore per il Municipio per ottimizzare il rendimento energetico ed il comfort ambientale. E, infine telecontrollo e telegestione di tutti gli impianti per garantire un monitoraggio costante di tutto il parco impiantistico, supervisionare l’andamento degli impianti ed il risparmio energetico atteso, intervenire tempestivamente in caso di guasti. Per quanto concerne l’efficientamente elettrico è prevista la sostituzione di tutte le lampade degli edifici con nuove lampade a tecnologia LED che permettono una riduzione consistente dei consumi elettrici riguardanti l’illuminazione interna degli edifici per un totale di 4.479 nuovi punti luce LED.

Leggi anche:  Giunta Castelcovati: svelati in anteprima i protagonisti. Non ci sarà la Gritti

Obiettivi

Gli obiettivi dell’Amministrazione sono di conseguire una riduzione dei costi per le utenze e le manutenzioni degli immobili comunali, che attualmente ammontano annualmente a circa 520 mila euro oltre Iva. Infatti, pur in presenza del canone per la gestione di tutti gli edifici di circa 410 mila euro oltre Iva, che il Comune di Palazzolo verserà a STEA S.r.l., si otterrà un risparmio annuo di circa 134 mila euro, in quanto l’Iva per il Comune è un costo. Inoltre gli interventi porteranno anche a una riduzione dei consumi termici ed elettrici negli edifici comunali interessati.  Attualmente i consumi di gas metano ammontato a 428.332 m3/anno (kWh equivalenti: 4.107.706 kWh/anno), mentre il consumo di energia elettrica interna è di 846.980 kWh/anno. Si otterranno i seguenti vantaggi: risparmio energia termica 904.928 kWh/anno e risparmio energia elettrica 175.325 kWh/anno.

I commenti

Al termine dei 15 anni della concessione, il Comune resterà in possesso di tutti gli impianti efficientati da STEA S.r.l. e potrà continuare la gestione degli stessi, beneficiando dei risparmi energetici ottenuti. In questo modo l’ attuale Amministrazione comunale porta avanti alcuni dei suoi principali obiettivi di mandato: tutela ambientale e una gestione finanziaria virtuosa delle risorse pubbliche. “L’attenzione dell’Amministrazione alla riduzione dei consumi energetici e dei costi di gestione di buona parte del patrimonio pubblico comunale – ha commentato il sindaco Gabriele Zanni – trova concretizzazione con questa operazione, che ha un’impronta ambientale significativa e garantisce risparmi considerevoli e prolungati negli anni per le casse comunali”.