Concorso fotografico Premio San Zenone è stato un successo con ben 64 foto partecipanti, tutte sul tema dei “volti”.

Concorso fotografico Premio San Zenone le premiazioni

A vincere la quinta edizione del concorso fotografico San Zenone, con annesso premio di 150 euro, è stata la foto di suor Enza Frignani. Secondo posto, e premio di 130 euro, per la fotografia di Fabio Spada. Mentre il premio della giuria popolare, del valore di 100 euro, è andato nelle mani di Sara Faustini. Poi due menzioni speciali sono state riconosciute agli scatti di Clara Bonomini e di don Luigi Guerini. Il primo premio del concorso “volti in gioco” riservato alle scuole è andato invece alle classi prime delle elementari di Camignone. Secondo e terzo posto per le classi seconde e quarte sempre della primaria. Il premio della giuria popolare è stato invece assegnato alle classi terze.

Il Gruppo arte sacra

“Vi ringrazio perché quello che fate lo fate per il bene della comunità e la comunità lo percepisce e ci guadagniamo tutti quanti”. Con queste parole il sindaco di Passirano Francesco Pasini Inverardi ha voluto ringraziare la presidente Marina Garosio e tutti i componenti del Gruppo arte sacra che, per il quinto anno consecutivo, hanno proposto il concorso fotografico Premio San Zenone. “Per poter realizzare questi eventi ci vuole il supporto e collaborazione di tante persone – ha commentato la vicepresidente del Gasp Lara Faustini – Creare rete sul territorio permette di ottenere dei risultati di un certo livello”. Mentre dedicate alla bellezza le parole del parroco di Passirano Luigi Guerini: “Saper cogliere la bellezza dei volti e la serenità è particolarmente importante. Facciamo in modo di portare la gioia attraverso il bello che ci circonda e attraverso le persone, perché se non incontriamo le persone rischiamo di essere sempre più isolati”.

Leggi anche:  Prima edizione concorso poesia "Un fiore all'Asola"

Lo spettacolo teatrale

A conclusione delle premiazioni, sul palco dell’ex oratorio, è stato messo in scena lo spettacolo teatrale “L’ombra – i mostri che abbiamo dentro” diretto dal professor Paolo Di Rosa e a cura dei ragazzi del liceo Leonardo di Brescia che hanno partecipato al laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo.