Anac boccia l’operazione di cessione diretta del pacchetto di maggioranza di Lgh ad A2a. Per l’Autorità nazionale anticorruzione era necessaria una gara pubblica.

Anac boccia l’operazione

L’esito dell’esposto presentato da cittadini, consiglieri e parlamentari del Movimento 5 stelle nel febbraio 2016 è arrivato a due anni di distanza. Una delibera di 20 pagine in cui il Consiglio dell’autorità, in sintesi, sostiene che l’operazione è qualificabile come scelta di socio-partner industriale. E, di conseguenza, non era possibile la vendita diretta. Ossia senza una procedura concorsuale.

La partnership

La partnership è stata firmata ufficialmente il 4 agosto 2016. Ma era stata preceduta da un acceso dibattito. Sia tra i sindaci soci di Cogeme spa, che fa parte di Lgh. Sia a livello politico, appunto con l’esposto presentato dal M5s. Ora, a distanza di due anni, si è concluso un lungo iter istruttorio. Che ha portato al parere negativo dell’Anac.

L’approfondimento

L’approfondimento, con i commenti dei protagonisti, sul prossimo numero di Chiari week.